Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito. Per saperne di più, leggi le nostre privacy e cookie policy.

Tutti gli altri cookie presenti sul sito sono di natura tecnica, o di terze parti. Disabilitare i cookie tecnici può rendere il sito non navigabile. I cookie di terze parti non sono disattivabili a livello di sito web, devono essere bloccati dal browser dell'utente seguendo la procedura descritta nella privacy e cookie policy.

Condividi questo post:


Nell’era della post-verità e del confine, a volte labile, tra informazione e disinformazione, scende in campo – a sorpresa – un nuovo “cavaliere bianco”: Facebook.Twitter

È di poche settimane fa, infatti, la notizia che il social network più diffuso al mondo sia pronto a lanciare uno specifico programma (il Facebook Journalism Project) per difendere – con il supporto di grandi gruppi editoriali – la corretta informazione, ristabilendone l’autorità e la credibilità.

Si apre una nuova era per Menlo Park, dunque? Al momento, va detto, il progetto giornalismo di Facebook è poco più che un buon intendimento, ma già in questa fase embrionale si aprono alcune interessanti considerazioni.

Nuove opportunità in arrivo?

In primis, l’iniziativa segna – almeno stando all’architettura – l’avvio di un’effettiva collaborazione tra il social network ed i grandi gruppi editoriali (tra i primi ad aderire al progetto, Washington Post, Fox News e BuzzFeed).

Una sinergia che aiuterà, da un lato, Facebook a coprire la lacuna della creazione spontanea di contenuti consentendo, dall’altro, l’ingresso del mondo editoriale tradizionale in nuovi mercati ad alto potenziale – con relative nuove forme di monetizzazione e monitoraggio delle performance – ampliandone esponenzialmente il bacino di audience e di ricavo economico.

Nella sua dichiarazione di intenti, infatti, Facebook Journalism Project prevede di sviluppare un inteso programma di alfabetizzazione dell’informazione all’interno del quale la piattaforma creata da Mark Zuckerberg ed i protagonisti dell’editoria promuoveranno, insieme, nuovi prodotti, strumenti e mezzi per rendere l’informazione un ecosistema “sano” e credibile, sotto l’egida di un costante controllo della veridicità.

Tra questi, nuovi format di storytelling – ad integrazione delle opportunità già offerte dalle funzionalità Live, 360° ed Instant Article – un’attenta considerazione dell’informazione locale, che il social network ritiene vero fulcro di aggregazione per le community, e la possibilità, per gli editori, di offrire pacchetti di informazione ad hoc ai lettori più assidui, rinsaldandone l’affiliazione.

Ma non è finita qui: Facebook, infatti, prevede di “salire in cattedra”, sviluppando un programma educativo in e-learning per permettere a giornalisti ed editori una formazione puntuale su tutti gli strumenti messi a disposizione da Menlo Park, con tanto di percorso di certificazione per i partecipanti.

Cosa aspettarsi dal futuro

E’ ancora presto per lanciarsi in previsioni più o meno attendibili su quale sarà l’effettivo sviluppo di Facebook Journalism Project e se, tra gli altri, arriverà a toccare anche il nostro Paese.

Allo stesso tempo, però, non ci si può esimere dal monitorare attentamente questa iniziativa nel suo evolversi e dal riflettere sul suo significato e sulle prospettive che può aprire.

A tutti gli effetti, infatti, il progetto – per come ci è stato presentato – segna una svolta nella vita del social network nato dall’intraprendenza di un ex studente di Harvard: da contenitore di informazione a promotore di informazione, con mezzi, modalità, strumenti, principi guida e caratteristiche proprie che, nel tempo, contribuiranno a definirne l’identità.

Un nuovo protagonista, insomma, pronto ad entrare in gara “alla pari” con i grandi detentori del saper fare informazione, ma con quella freschezza ed immediatezza in più che ne hanno determinato, fino ad oggi, il successo e la prontezza d’azione.

Ci abitueremo, quindi, a ripensare a Facebook non solo come canale delle nostre strategie di comunicazione bensì come nuovo media targetTwitter , alla stregua dei grandi quotidiani o magazine?

Una risposta, per ora, non c’è; ma iniziare a strizzare un occhio ancora più attento al social network dall’icona blu, senza pregiudizi, non è – forse – un esercizio così poi prematuro da fare…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *